domenica 24 febbraio 2013

Raggiunto l’obiettivo Kyoto sulla riduzione della CO2

Fondazione per lo sviluppo sostenibile ha presentato il 15 febbraio scorso il dossier Kyoto 2013, che traccia anche un bilancio del protocollo, la cui storia si è conclusa con il periodo di verifica 2008-2012. Secondo le stime della fondazione, nel 2012 le emissioni di gas serra dell’Italia si sono attestate attorno a 465/470 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente, oltre 20 milioni in meno rispetto al 2011. La media annua del periodo 2008-2012 risulta così di circa 480 MtCO2eq, pari a una riduzione di oltre il 7% rispetto al 1990: una percentuale superiore, quindi, rispetto al target. Tre considerazioni vanno portate in evidenza: Sul risultato complessivo ha Influito la Crisi economica, ma meno di quanto si possa pensare: tra il 2008 e il 2012 il PIL è calato complessivamente del 6%, le emissioni di gas serra di oltre il 16%. Tra il 1990 e il 2012 l’intensità carbonica dell’economia è passata da 510 a 390 gCO2eq/euro (‐24%), facendo registrare una accelerazione proprio negli ultimi anni: il tasso di riduzione dell’intensità è passato dal ‐0,6% come media 1990‐2004 al ‐2,2% come media 2005‐2012. Se non vi fosse stato il miglioramento delle performance ambientali dell’economia italiana degli ultimissimi anni, dovuto allo sviluppo delle politiche per l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili, le emissioni in Italia al 2012 sarebbero state di oltre 530 MtCO2eq, almeno 60 MtCO2eq in più rispetto a quanto stimato. Approfondisci al link: http://www.fondazionesvilupposostenibile.org/documenti